Vincisgrassi


Cucina marchigiana, Pasta / giovedì, dicembre 21st, 2017

Le Marche fanno parte del cuore dell’Italia e, per certo, il ventricolo destro profuma di vincisgrassi!
Qualche tempo fa abbiamo chiesto quale fosse il piatto della domenica.
Due i grandi vincitori pari merito: vincisgrassi e cappelletti.
Oggi quindi ci dedichiamo a rispolverare il profumo generoso di questo piatto che, al di fuori delle Marche, viene confuso con le lasagne (e ogni marchigiano si chiede come sia possibile ).

Cucina delle Marche

La nostra non sarà la ricetta classica maceratese ma la versione per Marchese senza servitù, con il ragù da preparare senza fretta (e da conservare in barattolini se ne avanza) con un calice di rosso piceno e in sottofondo un po’ di Frank Sinatra che sta tanto bene con la sfoglia.
Versione monoporzione, da preparare rigorosamente per una cena a due.

Una ricetta più veloce quindi di quella originale ma che ha al suo interno tutto il sapore dell’entroterra, tutto il calore del sugo che sobbolle, tutta la tenerezza di chi ci ha insegnato a farli.
Ma questo è un segreto che rimane in cucina.

cucina marchigiana

Vincisgrassi

Difficoltà 21

Tempo di preparazione 30 minutes

Tempo di cottura 1 hour, 30 minutes

Tempo totale 2 hours

Porzioni 4

See Detailed Nutrition Info on

La ricetta simbolo della cucina marchigiana. Un trionfo di sapore e tradizione, perfetta per ogni pranzo della domenica che si rispetti nelle Marche. In questa versione i vincisgrassi sono proposti monoporzione, magari per una cena romantica (preparati in anticipo, ti permettono doccia, trucco e parrucco!)

Ingredienti

  • 700 g di carne macinata (misto di manzo e maiale)
  • una cipolla
  • un paio di coste di sedano
  • una carota
  • olio di oliva extravergine
  • 500 g di passata di pomodoro
  • 4oo ml di brodo di carne (aggiunta del marchesato per regalare ulteriore sapore)
  • sale e pepe quanto basta
  • 14 sfoglie di pasta fresca

Procedimento

Per il ragù:

Fai un trito di sedano, carota e cipolla e, in un pentolino, porta a bollore il brodo di carne.

In una pentola capiente scalda l’olio e fai soffriggere le verdure.

Aggiungi la carne macinata e, a fuoco vivace, mescola ogni 5 minuti così da farla dorare bene.

Sfuma con 2 mestoli di brodo e regolate di sale e pepe.

Aggiungi la polpa di pomodoro e lascia cuocere per 30 minuti a fuoco dolce.

Assaggia, aggiungi il brodo rimanente, regola di sale e proseguite la cottura per altri 30 minuti.

Accendi il forno a 200 gradi così che raggiunga la temperatura.

Ungi le due pirofile con un pochino di ragù e posiziona il primo strato di sfoglia fresca.

Condiscila con il ragù e con un po’ di parmigiano grattugiato.

Prosegui alternando gli strati di pasta, ragù e formaggio, concludendo (saranno circa 7) con il sugo e una generosa spolverata di parmigiano.

Copri la pirofila con alluminio e inforna per 20 minuti.

Trascorso il tempo, togli la stagnola e prosegui per altri 10 minuti così da creare quella crosticina croccante che rende i vincisgrassi inimitabili.

Note

Se hai del sugo già pronto, ti basterà una mezz'ora per preparare i vincisgrassi intanto che il forno arriva a temperatura e infornarli.

Momento supporto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *